info@panigalonga.it

+39 331 731 4520

DOMENICA 1 OTTOBRE 2023
14 TAPPE TRA GUSTO E FOLKLORE
UN PERCORSO TRA BORGHI E NATURA
UNA PASSEGGIATA DI 12 KM ADATTA A TUTTI
IL PANIGACCIO DI PODENZANA
DEGUSTA IL PANIGACCIO IN ALCUNE VARIANTI SORPRENDENTI
LA COMUNITÀ DI PODENZANA TI ASPETTA
SAPREMO ACCOGLIERTI NEL MIGLIORE DEI MODI
Previous slide
Next slide

Panigalonga 2023... Se fossi nato quando mio nonno

Un tuffo nel passato alla ricerca delle tradizioni perdute

L’edizione della Panigalonga 2023 avrà come tema la riscoperta delle tradizioni del territorio di Podenzana attraverso un percorso rinnovato. Lo sguardo sarà rivolto al passato con un occhio che guarda al futuro, con l’auspicio che le nuove generazioni non solo portino avanti le tradizioni e le usanze che vanno perdendosi, ma che possano crearne di nuove e entusiasmanti.

In un periodo in cui si parla molto di cambiamenti climatici e di rispetto per l’ambiente, la Panigalonga 2023 ha deciso di puntare ancor più sulla sostenibilità delle edizioni passate, selezionando prodotti che siano in linea con questa filosofia e cercando di limitare il più possibile l’impatto dell’evento sul territiorio.

La Panigalonga 2023 è aperta a tutti, grandi e piccini, e consiste in un percorso campestre ad anello di difficoltà escursionistica. Il tracciato, di circa 12 Km, ti porterà alla scoperta del territorio del Comune di Podenzana visitando antichi borghi, castelli, castelletti e luoghi suggestivi che offrono scorci mozzafiato e ti faranno entrare in contatto con la comunità.

Anche questa volta la Panigalonga coinvolgerà la comunità e i volontari delle associazioni del territorio.

Durante le soste potrai degustare il piatto tipico del luogo, l’originale Panigaccio di Podenzana, servito in tutte le sue varianti oltre ad altre prelibate pietanze della tradizione.

La riscoperta delle nostre radici

Se fossi nato quando mio nonno....

Spesso ci siamo chiesti come sarebbe stata la nostra vita se fossimo nati e vissuti al tempo dei nostri nonni.
La distanza tra le generazioni è sempre più corta e i cambiamenti sempre più rapidi. Per questo, se ci voltiamo indietro, i modi di vivere di 50 anni fa ci sembrano lontani anni luce.
In questi pochi lustri, molte delle tradizioni e delle usanze che caratterizzavano il modo di vivere dei nostri nonni sono andate via via scomparendo. Il pericolo è quello di perdere il nostro legame con il passato che ormai è custodito tra i non più numerosi vecchi con le loro storie.
Abbiamo deciso di sviluppare questa tematica perché siamo convinti che la conoscenza del passato sia fondamentale per la costruzione del futuro… un futuro migliore che ci faccia ancora sentire parte di una comunità.
All’interno della cartina, che vi sarà consegnata alla partenza della Panigalonga, troverete alcune storie tratte  dalle testimonianze di alcuni dei nostri nonni. Per le persone del posto sarà un’occasione per ricordare , mentre per quelli che vengono da fuori sarà un’occasione per scoprire come si svolgeva la vita una sessantina di anni fa nel nostro territorio.
Tutto questo non deve essere visto con troppa nostalgia, ma vuole essere un breve salto nel passato per farci apprezzare il presente e per proiettarci verso un futuro ancora tutto da costruire.
Vi aspettiamo al Parco del Gaggio!

Quest'anno la protagonista è la sostenibilità ambientale legata a prodotti di qualità.

La filosofia della comunità slow food

Ogni evento che viene organizzato sul nostro territorio ha inevitabilmente un impatto ambientale che, seppur limitato, nel tempo può lasciare dei segni tangibili. Per organizzare l’edizione della Panigalonga 2022 ci siamo chiesti come avremmo potuto rendere l’evento più sostenibile dal punto di vista ambientale.
L’idea che abbiamo avuto è stata quella di legare prodotti di alta qualità che fossero compatibili con questa filosofia.
 
  • abbinare il panigaccio con prodotti sostenibili che abbiamo metodi di produzione rispettosi dell’ambiente e che tengano conto del risparmio energetico e delle risorse idriche. Un esempio è il basilico usato per il nostro pesto che quest’anno proverrà da un azienda che utilizza il sistema di coltivazione aeroponico a ciclo chiuso che utilizza acqua piovana per l’irrigazione. Così facendo il risparmio di acqua è dell’85% rispetto alla coltivazione tradizionale. L’azienda inoltre riscalda le sue serre esclusivamente con energia geotermicae produce l’elettricità necessaria con pannelli fotovoltaici;
  • utilizzare piatti e posate compostabili e biodegradabili;
  • limitare al massimo l’uso di bicchieri usa e getta dotando i partecipanti di un bicchiere riutilizzabile;
  • stampare le cartine del percorso su carta riciclata;
  • cercare di eliminare le bottiglie e gli imballaggi in plastica.

Pensiamo che questo sia un primo passo importante per il rispetto dell’ambiente e per sensibilizzare le persone alla tematica della sostenibilità senza tralasciare lo scopo della manifestazione. Anche questa volta sarà un’occasione per stare insieme, passare momenti immersi nella natura e riscoprire i nostri borghi.

I nostri sponsor